top of page

Simbologia del corpo. I dolori del piede

Aggiornamento: 27 apr 2023

Se preferisci ascoltare clicca QUI


In questa occasione parlerò della simbologia legata al piede. Voglio essere chiara che in questa sede sono costretta a semplificare molto la realtà delle cose, perché esiste una simbologia arcaica, una culturale, una familiare e una in base al significato che ogni individuo attribuisce al simbolo.


Per molti anni ho esplorato questo campo, con molta frustrazione nel notare come “le cose non tornassero”, a mio parere si trovano spesso molte schematizzazioni. Durante i miei anni di esperienza professionale ho trovato il modo per poter aiutare la persona, che si reca da me, a trovare la chiave di interpretazione dei suoi stati dolorosi attraverso l’ascolto osteopatico, che mi permette di capire che sensazioni essa sta vivendo: delusione, frammentazione, paura, immobilizzazione, trauma ripetuto, dissociazione, depressione, … Non sempre è dove sentiamo dolore a fornirci informazioni in più rispetto ai nostri stati d’animo, ma anche la zona che lo causa. Infatti posso sentire dolore alla pianta di un piede perché il corpo non riesce più a compensare la restrizione (minore mobilità) della fascia endotoracica ,per una polmonite di anni addietro. Pertanto sarà necessario interpretare il messaggio della zona di dolore, in relazione a quella in restrizione, nel contesto che la persona vive, ma anche del significato che attribuisce lei stessa al gesto.


Arrivo al dunque e adesso parlo del piede (ricordo in modo semplificato), dal momento che in questo periodo molte persone mi scrivono perché si sono fatte male proprio lì.


I piedi RAPPRESENTANO il sostegno e il cammino. Li diamo per scontati finché non ci fanno male. Con un dolore a un piede non possiamo andare, se non con fatica, da nessuna parte. Facciamo anche fatica a stare fermi in piedi.

Se ci fanno male i piedi è perché è arrivato il momento di porre attenzione a qualcosa che stavamo dando per scontata, quale sostegno ci è mancato o ci manca, che non è un sostegno per stare dritti, ma per stare in piedi (mancare la terra sotto i piedi), che ha un connotato diverso, è ben più profondo.

È il caso di prendere nota se il dolore arriva per un trauma o meno, se al piede destro o sinistro, facendo quale movimento, in che luogo ci trovavamo. Questi dettagli ci offrono maggiori informazioni per risalire alla nostra situazione. Dovrò fare altri post, ma se non riuscite aspettare scrivetemi.


Prendiamo un evento frequente: la SLOGATURA della CAVIGLIA.

È un segnale di quando non siamo presenti a noi stessi (banalizzando: distratti) e stiamo intraprendendo una strada di vita troppo lontana da ciò che siamo, dalla nostra natura, da ciò che vorremmo davvero. Qualcosa dentro di noi ci fa notare che siamo distratti e non stiamo osservando il cammino intrapreso. Un cammino che probabilmente non ci convince, ma ci forziamo di prenderlo. A seconda che la slogatura sia alla caviglia sinistra o destra ci può far chiarire se questo cammino sbagliato per noi è legato, rispettivamente, alla sfera femminile (accogliente, lenta, emotiva, indiretta, lunare) o maschile (veloce, logica, diretta, solare). Ripeto che sto semplificando molto.

La slogatura cosa ti ha permesso di evitare? Come ti sei sentito appena accaduto? Che giudizi ti sei dato? Possiamo chiederci, anche, se ci stiamo autosabotando, se ci stiamo impedendo di compiere una scelta, o di essere felici, se abbiamo sensi di colpa per una strada che abbiamo deciso di intraprendere.


È importante capire che a volte un dolore è un semplice dolore, che non tutti sono messaggi in codice su cui farsi “seghe mentali” (permettetemi il termine). Sono i traumi ripetuti sulla stessa parte del corpo, i dolori recidivi, quelli che in apparenza non hanno nessuna motivazione, gli incidenti “banali” dove ci siamo definiti “come degli stupidi”, questi ci aiutano a prendere maggiore consapevolezza dio noi stessi; senza dimenticare di prendersi cura del corpo in modo adeguato e tenere presente che ci possono essere anche malattie in corso (è vero che anche la malattia è un messaggio …ma cerchiamo di non essere estremisti: né troppo spiritualisti né troppo materialisti).


Credo di avervi dato abbastanza spunti su cui riflettere.


Ci sono molti libri su questi argomenti, se vi interessa l’argomento, consiglio di leggerne il più possibile affinché possiate trovare la vostra strada, un passo alla volta. Se siete pigri o pieni di impegni leggete i miei post 😝


_________________________

Dottoressa Nicoletta De Col

Osteopata e MCB

Laurea triennale e specialistica in psicologia sociale

Laurea in scienze motorie


🌅instangram @nicolettadecol

🔵FB “Nicoletta De Col - osteopatia e psicologia”https://www.facebook.com/profile.php?id=100086145891545




91 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page