• Nicoletta De Col

Quel dolore che blocca, cosa ci dice?

A volte le risposte sono semplici: il dolore ci dice di fermarci e/o rallentare, a seconda della gravità e del pericolo. È la motivazione che sta dietro, quella reale, a poterci spaventare, ma soprattutto il COME ci terrorizza. Il “come” sono le azioni che abbiamo compiuto e ci hanno portato a questa situazione, quindi a quelle che dovremo attuare al fine di mutarla.

Facciamo attenzione a non prendere il dolore come una scusa per sottrarci a delle decisioni: bloccarci per paura di scegliere.


Il “come” sono le azioni che abbiamo compiuto e ci hanno portato a questa situazione, quindi a quelle che dovremo attuare al fine di mutarla.

Fermarsi e aspettare, consapevoli, osservando il nostro fiume di emozioni senza cercare di cambiarlo.


Eppure, noi esseri umani ci dimeniamo nell’attesa, la nostra mente scalpita... tutto questo mueve le nostre emozioni come lo sbatter d’ali muove la sabbia o le pinne muovono in fondo fangoso. Succede che non riusciamo più a percepire la nostra anima, ma essa è l’unica a cui dobbiamo fare riferimento per il nostro cammino.




99 visualizzazioni