• Nicoletta De Col

Le prigioni

In questo periodo di restrizioni, al di là del giudizio che possiamo mettere, sicuramente c’è un passaggio che possiamo fare: capire quali sono le prigioni da cui potremmo uscire ma non lo facciamo. Per esempio, interrompere una relazione che sappiamo essere finita, o sentirsi condannati per la diagnosi di una patologia, far dipendere la propria felicità dagli altri... sono tutte prigioni.


Il mondo che c’è “fuori” é uno specchio che ingigantisce quello che c’è dentro di noi. Se vogliamo sentirci più liberi, iniziamo da quello che é sotto il nostro controllo: interrompiamo il rapporto di lavoro che ci rende frustrati o iniziamo a cercarne un altro o accettiamo per uno scopo, ammettiamo che una relazione d’amore sia finita e liberiamoci, ecc...


Cerchiamo di comprendere cosa ci costringe il respiro, cosa stringe il cuore, cosa soffoca. Invece di arrabbiarci con quel che sentiamo ingiusto proviamo ad essere onesti con noi stessi e capire se stiamo agendo in funzione della nostra libertà quotidiana. Pretendere libertà, se noi siamo i primi a togliercela, é una bugia, accusare la libertà dell’altro é come un bambino che vuole un giocattolo solo perché ci gioca il fratello.

Ognuno di noi può comprendere quanto sta facendo per uscire dalle proprie prigioni e ognuno può essere onesto con se stesso: mi sto prendendo la responsabilità della mia vita?




———————

dott.ssa Nicoletta De Col

psicologa sociale, massoterapista

64 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il disegno divino

Ero alle elementari. Vidi “la collina dei conigli” un cartone animato affascinante per il mio cuore: inizia con la spiegazione della creazione in un modo che non avevo mai visto, ma soprattutto mai “s

Vaccini Covid-19 nei bambini, benefici?

Su BMJ continua la discussione sull'opportunità di vaccinare per covid-19 i bambini. Il 13 di luglio alcuni scienziati tra cui Peter Doshi, ricercatore e metodologo, molto rinomato nel mondo della med