• Nicoletta De Col

La soluzione veloce al dolore porterà dolori più profondi


Alcune cose che affronteremo il 7 Aprile.

Durante una seduta con i clienti per affrontare questioni posturali ed emotive,  quando chiedo “come ti senti?” molte persone tendono a rispondermi:

“oggi ho male alla schiena!” 

“Insomma, ho male a un polso”

“Male: mal di testa”

“Si va avanti: sopporto gli acciacchi”

E così via.

Il primo collegamento che si tende a fare in automatico è il seguente: sentire-> dolore fisico-> ricerca soluzione veloce.

Non siamo più abituati a sentire davvero! Vediamo perché...

Oramai, il nostro stile di vita si basa su compiti prevalentemente cognitivi e tanti, troppi compiti esecutivi (tanti impegni da fare di fretta per risparmiare tempo e fare altre cose di fretta🤔). 

Il pensiero è un procedimento veloce, che non sempre segue i tempi di un linguaggio interno.

Eseguire le cose velocemente non permette di mettere la stessa attenzione che concederebbe compierle con più tempo a disposizione.

Spesso dietro tanti impegni c’è il non voler sentire, il non voler percepire il proprio dolore interno: il dolore psichico intriso di delusioni, di “non sentirsi amati”, di voler attenzione, di tristezza, rabbia, ecc.

Il sentire richiede tempo e “vero ascolto”. 

Siamo abituati a dire che ci fa mal di schiena, ma non che la moglie/il marito ci ha delusi. 

Siamo abituati a dire che abbiamo male a un piede, ma non che sentiamo di voler scoppiare in lacrime.

il dolore ci aiuta a capire, riconoscerlo è il primo passo per arrivare alla positività. 

Come, il classico esempio, dopo una notte buia le sfumature dell’alba sembreranno ancora più magiche, i raggi del sole regaleranno brividi di piacere, e sembrerà si odorare il cielo azzurro.

Quindi... “come ti senti oggi?”


189 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il disegno divino

Ero alle elementari. Vidi “la collina dei conigli” un cartone animato affascinante per il mio cuore: inizia con la spiegazione della creazione in un modo che non avevo mai visto, ma soprattutto mai “s

Vaccini Covid-19 nei bambini, benefici?

Su BMJ continua la discussione sull'opportunità di vaccinare per covid-19 i bambini. Il 13 di luglio alcuni scienziati tra cui Peter Doshi, ricercatore e metodologo, molto rinomato nel mondo della med