• Nicoletta De Col

La soluzione veloce al dolore porterà dolori più profondi


Alcune cose che affronteremo il 7 Aprile.

Durante una seduta con i clienti per affrontare questioni posturali ed emotive,  quando chiedo “come ti senti?” molte persone tendono a rispondermi:

“oggi ho male alla schiena!” 

“Insomma, ho male a un polso”

“Male: mal di testa”

“Si va avanti: sopporto gli acciacchi”

E così via.

Il primo collegamento che si tende a fare in automatico è il seguente: sentire-> dolore fisico-> ricerca soluzione veloce.

Non siamo più abituati a sentire davvero! Vediamo perché...

Oramai, il nostro stile di vita si basa su compiti prevalentemente cognitivi e tanti, troppi compiti esecutivi (tanti impegni da fare di fretta per risparmiare tempo e fare altre cose di fretta🤔). 

Il pensiero è un procedimento veloce, che non sempre segue i tempi di un linguaggio interno.

Eseguire le cose velocemente non permette di mettere la stessa attenzione che concederebbe compierle con più tempo a disposizione.

Spesso dietro tanti impegni c’è il non voler sentire, il non voler percepire il proprio dolore interno: il dolore psichico intriso di delusioni, di “non sentirsi amati”, di voler attenzione, di tristezza, rabbia, ecc.

Il sentire richiede tempo e “vero ascolto”. 

Siamo abituati a dire che ci fa mal di schiena, ma non che la moglie/il marito ci ha delusi. 

Siamo abituati a dire che abbiamo male a un piede, ma non che sentiamo di voler scoppiare in lacrime.

il dolore ci aiuta a capire, riconoscerlo è il primo passo per arrivare alla positività. 

Come, il classico esempio, dopo una notte buia le sfumature dell’alba sembreranno ancora più magiche, i raggi del sole regaleranno brividi di piacere, e sembrerà si odorare il cielo azzurro.

Quindi... “come ti senti oggi?”


186 visualizzazioni